counter free hit unique web

Recipe: Yummy Le chiacchiere di carnevale

Le chiacchiere di carnevale. Le chiacchiere sono croccanti e delicate sfoglie tipiche a Carnevale, fatte Le chiacchiere o frappe hanno un'antichissima tradizione che probabilmente risale a quella delle frictilia, dolci fritti nel grasso di maiale che nell'antica Roma venivano preparati proprio durante il periodo di Carnevale; questi dolci. Troviamo tante versioni in giro, questa è la mia preferita, perchè una volta fritte si sciolgono in bocca! Solitamente, nella preparazione delle chiacchiere di Carnevale, si aggiunge un pizzico di lievito per farle gonfiare più facilmente.

Le chiacchiere di carnevale Siete nel posto giusto, ecco la ricetta del maestro pasticcere Iginio Massari per delle chiacchiere leggere, friabilissime, piene di bolle, sottilissime che si sciolgono letteralmente in bocca ma soprattutto ottime. Perché le chiacchiere di carnevale si chiamano così? Le chiacchiere possono essere anche napoletane e la storia fa risalire il loro nome alla Regina Savoia che volle chiacchierare ma ad un certo punto le venne fame e chiamò il cuoco di corte, Raffaele Esposito, per farsi fare un dolce che potesse. You can cook Le chiacchiere di carnevale using 0 ingredients and 3 steps. Here is how you cook it.

Ingredients of Le chiacchiere di carnevale

Le chiacchiere di Carnevale sono il dolce più preparato e conosciuto in Italia in questo periodo dell'anno. Dette anche semplicemente chiacchiere, hanno moltissime varianti regionali che si evidenziano non solo negli ingredienti e nella preparazione, ma a partire dallo stesso nome. Leggere e friabili, fatte di ingredienti semplici con piccole variazioni dovute al gusto o al luogo di appartenenza, le chiacchiere (o frappe, sfrappole, cenci, bugie, gale, galani, grostoli, intrigoni, etc.…) hanno nomi diversi di regione in regione. Le Chiacchiere di Carnevale sono forse il dolce più famoso di questa festa.

Le chiacchiere di carnevale step by step

  1. Versare la farina sulla spianatoia, versare lo zucchero mescolare, formare un buco versare l’olio e un po’ di vino bianco impastare aggiungendo vino finché l’impasto risulta morbido ed elastico.
  2. Formare un panetto, Coprire e far riposare per 20 min, (se si vogliono le bolle dipende dal fatto che bisogna ripiegare la sfoglia più volte su se stessa) con nonna papera tirare la sfoglia sottile se si vogliono croccanti, oppure al quarto tassello della nonna papera quindi con la rotella dentata tagliare a piacere fare un taglio al centro e friggere poco tempo per lato, con la schiumarola tirare fuori far asciugare dall’olio in eccesso in un colapasta.
  3. Sistemare nel piatto da portata e cospargere con zucchero a velo.

Le chiacchiere – chiamate anche crostoli, galani, frappe e in molti altri modi ancora, in base alla regione – sono dolci tipici di Carnevale: sfoglie fritte, sottili e croccanti, ricoperte da L'origine delle chiacchiere è incerta, ma secondo alcuni studiosi è da ricondurre all'epoca romana, quando. Bugìe (piemontese, liguria, sardegna), cròstoli e/o gròstoli (veneto, trentino), galani (veneto), manzòle (lombardo-valtellinese), cróstoli e/o cróstui (friulano), frappe (emiliano, Italia centrale), sfràppole (bolognese, romagnolo), intrigoni (emiliano), fiocchetti (romagnolo), lattughe (bresciano, mantovano). Le chiacchiere di Carnevale sono tra i dolci italiani più amati, legati a questo periodo di festa. Prendono nomi diversi in base alla regione italiana dove vengono fatte. Le chiacchiere fritte sono leggere e croccanti, dal gusto delicato e per nulla invadente.

You May Also Like

About the Author: admin

Leave a Reply

Your email address will not be published.