counter free hit unique web

Recipe: Yummy Zuppa di lenticchie nere di Leonforte e bietole 🌷

Zuppa di lenticchie nere di Leonforte e bietole 🌷. Per prima cosa controlliamo le lenticchie e togliamo quelle rovinate. La zuppa di lenticchie è un primo piatto caldo e corroborante, ottimo per le sere invernali più fredde e ideale anche come metodo per utilizzare le lenticchie che possono avanzare dai cesti natalizi. Servita con un filo di ottimo olio extravergine e qualche crostino di pane tostato. *La lenticchia nera di Leonforte è un legume antichissimo, la cui storia di coltivazione si perde lontana nella notte dei tempi dell'entroterra siciliano.

Zuppa di lenticchie nere di Leonforte e bietole 🌷 Scroll down for English version Zuppa di lenticchie nere: una ricetta semplice e veloce che nutre con leggerezza, calore e buon gusto. Nel frattempo lavate le bietole e tagliate a pezzetti coste e foglie. La zuppa di lenticchie è un primo piatto della stagione invernale ed è semplice da preparare oltre ad essere molto salutare. You can have Zuppa di lenticchie nere di Leonforte e bietole 🌷 using 10 ingredients and 5 steps. Here is how you cook that.

Ingredients of Zuppa di lenticchie nere di Leonforte e bietole 🌷

  1. It’s 800 ml of acqua.
  2. You need 200 of g lenticchia nera.
  3. It’s 1 of mazzo bietole.
  4. Prepare 1 of carota.
  5. It’s 1 costa of sedano.
  6. Prepare 1/2 of cipolla.
  7. It’s q.b. of sale.
  8. Prepare q.b. of olio evo.
  9. It’s of Inoltre.
  10. You need 100 g of pane.

Alla zuppa di lenticchie è possibile abbinare verdure cotte o crude come spinaci, zucca, piselli o un piatto di orzo e farro. Tritare finemente il prezzemolo, la bietola e la cipolla. Zuppa di lenticchie nere con crostini al culatello. Riscopriamo sapori antichi: le lenticchie nere di Leonforte, un presidio slow food che torna alla ribalta per le sue Questa lenticchia è un' antica cultivar tipica della provincia di Enna, coltivata nei comuni di Enna, Leonforte, Calascibetta e Nicosia.

Zuppa di lenticchie nere di Leonforte e bietole 🌷 instructions

  1. Per prima cosa controlliamo le lenticchie e togliamo quelle rovinate. Quindi li sciacquiamo più volte per togliere le impurità e la polvere e li mettiamo a bagno per 1 ora..
  2. 15 minuti prima della fine del tempo di riposo, peliamo la carota e la cipolla. Quindi le laviamo insieme alla costa di sedano e li tritiamo. In un tegame versiamo l'olio e il trito di verdure, li facciamo cuocere a fuoco basso per pochi minuti, poi versiamo un mestolo di acqua bollente e continuiamo la cottura con il coperchio. In tanto scoliamo le lenticchie, le sciacquiamo, le versiamo dentro il tegame, ricopriamo di acqua (circa 600 ml) e le facciamo cuocere per 25 minuti..
  3. Trascorso il tempo, aggiungiamo i pomodorini precedentemente sciacquati e tagliati a metà. Versiamo circa 200 ml di acqua bollente (se dovesse servire ne aggiungiamo dell'altra). Nel frattempo puliamo le bietole. Togliamo le foglie esterne più rovinate e tagliamo l'estremità più dura. Laviamo bene per eliminare i residui di terra..
  4. Aggiungiamo le bietole tagliate in 3 pezzi e facciamo cuocere per 15 minuti con il coperchio. Intanto tagliamo il pane a pezzetti e lo adagiamo dentro una padella calda. Facciamo abbrustolire per qualche minuto. Nel frattempo la zuppa sarà pronta, regoliamo di sale e spegniamo la fiamma..
  5. Serviamo nei piatti, aggiungiamo un filo d'olio e i crostini..

Questa zuppa unisce la fibra e le proteine della lenticchia con l'alta vitamina K nella bietola. Acquista online le tipiche Lenticchie Nere di Leonforte e scopri la qualità unica dei Legumi Siciliani Coltivate secondo le tradizionali tecniche colturali siciliane, le Lenticchie Nere di Leonforte sono Eccellenti per gusto, consistenza e genuinità, sono lenticchie siciliane ideali per zuppe e piatti a a. La zuppa di bietole e lenticchie si può servire così, con dei crostoni di pane abbrustolito, o se vogliamo farne un goloso piatto unico ( e lo faccio spesso) preparare a parte della salsiccia alla griglia e metterla nella zuppa. In alternativa si può aggiungere del riso a metà cottura e farla diventare una. La coltivazione è stata poi ripresa all'inizio del duemila, tra mille.

You May Also Like

About the Author: admin

Leave a Reply

Your email address will not be published.